Print Version Add to Bookmarks Set As HomePage

eXTReMe Tracker

JoJoStory: Seconda Serie

Battle Tendency (1939 - Joseph Joestar)

Erano già passati 49 anni dalla morte di Jonathan Joestar e, nel frattempo, Speedwagon era diventato un importante magnate del petrolio, mentre Streitzo era succeduto al maestro Tonpeti, ormai passato a miglior vita. A riportare insieme questi bizzarri personaggi fu una scoperta archeologica in Messico: accanto ad una mummia rinvenuta all'interno di una piramide azteca, infatti, era stata trovata un' incisione della Maschera di Pietra.

Era il 1938, ed il nipote di Jonathan, Joseph Joestar viveva a New York con la nonna Elena, ormai molto anziana ma sempre attiva come un tempo. Ma il nuovo JoJo non era assolutamente il gentiluomo che era stato il suo defunto nonnino, tutt' altro! Come Jonathan, però, Joseph aveva la capacità innata di utilizzare le onde concentriche, cosa che nè suo padre defunto in guerra e nè sua madre erano in grado di fare. Facciamo conoscenza con Joseph quando salva il ragazzino di colore Smokey Brown da alcuni poliziotti razzisti sfruttando delle deboli onde e... dei tappi di bottiglia!

Nelle stesse rovine azteche, però, qualcosa di molto più pericoloso era rimasto sepolto per millenni. In una enorme sala, in mezzo ad incisioni di persone polverizzate dai raggi solari, spiccava maestoso un enorme pilastro di roccia con una persona (viva, dotata di strane corna, ed in stasi da millenni) al suo interno, circondata da decine di Maschere di Pietra! Speedwagon, venuto a conoscenza della cosa, aveva contattato Streitzo affinchè distruggesse l'Uomo del Pilastro con le sue onde, ma questi ne approfittò per sterminare i componenti della spedizione (ed apparentemente lo stesso anziano miliardario) per impadronirsi del potere della Maschera e tornare giovane come mezzo secolo prima aveva fatto Dio. Ora il nuovo obiettivo di Streitzo era uccidere le uniche due persone a conoscenza dei poteri della Maschera, JoJo ed Elena. Dopo un lungo combattimento, Streitzo rivelò a Joseph di aver gettato i cadaveri dei componenti della spedizione in un fiume, perchè il Pilastro aveva iniziato ad assorbirne il sangue. Dopo migliaia di anni l'Uomo del Pilastro si stava risvegliando. Streitzo era tornato giovane, ma scelse di darsi la morte generando delle onde concentriche dall'interno del proprio corpo.

Proprio in quel periodo le truppe naziste di Hitler, che si stavano preparando a dichiarare guerra al mondo, erano dedite alla ricerca scientifica e, seguendo le folli idee del dittatore tedesco, anche all'alchimia, alla magia ed all'occultismo. Indagando su Streitzo, Joseph scoprì un legame con una base nazista in Messico. Proprio in questa base, comandata dal maggiore Rudolf von Stroheim, era stato trasportato Speedwagon in fin di vita, insieme alla sezione del pilastro che conteneva il misterioso essere millenario. E non ci volle molto ad autorizzare degli esperimenti sull' Uomo del Pilastro. Nutrito dal sangue dei prigionieri, dopo un sonno quasi eterno, Santana (battezzato così da Stroheim stesso dal nome di un vento messicano) si era risvegliato. Inizialmente l'essere non era neppure in grado di alzarsi in piedi, mostrava un intelletto allo stadio primitivo, ma in pochi istanti fu in grado di assorbire letteralmente un prigioniero (vampirizzato e mandato nella stanza dell'esperimento come cavia), e subito dopo pronunciò un nome... "Stroheim"... Evidentemente Santana non era quello che sembrava.

JoJo, dopo aver estorto una confessione al nazista Conmmando Donovan, che lo aveva attaccato nel deserto, si trovò ad affrontare il misterioso essere insieme allo stesso Stroheim, che sacrificò la sua vita facendosi esplodere con una granata per permettere a Joseph di esporre Santana ai raggi solari. A differenza dei comuni vampiri, però, il corpo dell' Uomo del Pilastro non venne distrutto dal Sole, ma iniziò a pietrificarsi. Era tornato in uno stato di stasi simile a quello in cui aveva dormito per millenni. Prima di morire, Stroheim rivelò a JoJo l'esistenza di altri tre Uomini del Pilastro in una caverna sotto Roma, in Italia. Joseph non era ancora in grado di affrontarli, le sue onde erano troppo deboli, ed avrebbe dovuto incontrare una persona che Speedwagon conosceva molto bene. Il corpo di Santana, in stato di animazione sospesa, intanto venne trasportato nei laboratori della Fondazione Speedwagon.

In un ristorante romano, in maniera poco ortodossa, JoJo fece conoscenza con il nipote italiano del barone Zeppelie, ossia il giovane Caesar Antonio Zeppeli. Questi era in grado di creare delle bolle di onde concentriche, ed il rapporto che si instaurò tra lui e Joseph fu una collaborazione estremamente conflittuale. JoJo, Zeppeli e Speedwagon furono condotti alla caverna del Pilastro, il cui ingresso era nascosto dietro la Bocca della Verità (!), ma quando vi giunsero si trovarono di fronte ad uno spettacolo orribile. I tre esseri si erano già svegliati e nutriti dei nazisti posti a guardia. I loro nomi erano Wamoo, Kars ed Acideecy, ed il loro scopo era trovare la Pietra Rossa dell'Asia che, incastonata nella Maschera di Pietra, avrebbe dato loro il potere di resistere al Sole e di diventare gli esseri supremi. Dopo un lungo combattimento con Wamoo, in cui JoJo dimostrò tutto il suo valore, questi riuscì a colpire il suo animo di guerriero, chiedendogli 30 giorni di tempo per diventare in grado di sconfiggerlo. Wamoo acconsentì, dato che per la prima volta nella sua millenaria esistenza era stato messo in difficoltà da un essere umano, ed installò nel corpo di Joseph un anello (detto Anella) contenente un potentissimo veleno, che si sarebbe liberato nel corpo dopo trenta giorni esatti. L'unico modo per ottenere l'antidoto sarebbe stato sconfiggere Wamoo. Anche Acideecy, che aveva osservato il combattimento, installò un'altra Anella del tutto identica nel corpo di JoJo.

Il tempo era poco, e sia Joseph che Zeppeli dovevano migliorare tantissimo prima di affrontare i tre Cavalieri delle Tenebre. Così si rivolsero al maestro di Zeppeli, che incontrarono a Venezia e si decise ad allenarli nella sua fortezza sull'isola di Easprina, al largo della costa veneziana. Il suo nome era Lisa Lisa, ed era una donna tanto giovane e bella, quanto fredda e spietata. Lei installò a Joseph una maschera correttiva, che gli avrebbe permesso di respirare solo se avesse mantenuto il ritmo necessario a generare le onde, persino in caso di stress e sotto sforzo. Come prima prova, Lisa Lisa gettò i due giovani sul fondo di una profondissima fossa, nel cui centro troneggiava un enorme pilastro completamente liscio e ricoperto di olio. L'unico modo per uscirne vivi sarebbe stato sfruttare le onde utilizzando l'olio come conduttore per scalarlo. Anche se in maniera differente, e dopo molti stenti, i due superarono brillantemente la prova. A questo punto, vennero affidati agli insegnamenti dei due servitori di Lisa Lisa, Loggins e Messina. Presto Joseph scoprì che era proprio Lisa Lisa a custodire la Pietra Rossa dell'Asia, e divenne ovvio che presto i tre Cavalieri delle Tenebre sarebbero arrivati a prenderla. Solo a questo punto si inizia a venire a conoscenza della razza della Stirpe delle Tenebre, vissuta millenni prima dell'uomo, il cui unico nemico era il Sole, che impediva loro di vivere all'esterno, confinandoli nelle caverne. Kars, Wamoo ed Acideecy avevano tentato di superare questo limite con la Maschera di Pietra, apparentemente costruita da Kars stesso, ma questa non possedeva sufficiente energia per agire sul cervello degli esponenti della loro razza. Era necessario un catalizzatore, e l'unico in grado di fornire l'energia necessaria, per la sua estrema purezza, era proprio la Pietra Rossa ora custodita da Lisa Lisa.

Tornato alla fortezza di Easprina per la prova finale, Joseph si trovò di fronte al corpo senza vita di Loggins, ed al suo carnefice, Acideecy. Il combattimento che ne seguì entra di diritto nella storia del fumetto, ed è l'ennesima prova della sconfinata genialità di Araki e della sua passione per i "giochi di prestigio". Il corpo di Acideecy venne liquefatto dalle potenti onde di Joseph, che potè così recuperare l'antidoto per la prima Anella, ma l'essere non era ancora morto. Ridotto ad un ammasso di tentacoli, Acideecy riuscì ad impossessarsi del corpo di Suzi Q, una delle servitrici di Lisa Lisa, ma venne definitivamente sconfitto da JoJo e Zeppeli, che agirono creando insieme delle onde di polarità opposta e portandolo allo scoperto. Per la causa dei suoi compagni, Acideecy aveva sacrificato il suo orgoglio di guerriero abbassandosi ad un tale disonore, e questo lo aveva portato alla sconfitta. Intanto però, mentre si trovava nel corpo di Suzi Q, era riuscito a spedire la Pietra Rossa in Svizzera, dove sarebbe stata recuperata dai suoi compagni. La prossima tappa per Joseph, Zeppeli, Lisa Lisa e Messina erano le fredde montagne di Saint Moritz.

Il corpo del Maggiore von Stroheim, grazie alle avanzate tecnologie naziste, era stato ricostruito ciberneticamente, ed il redivivo soldato era già in Svizzera ad attendere Kars e Wamoo. In un rapido ed emozionante scontro sulla neve, JoJo riuscì a recuperare la Pietra Rossa, mentre Kars e Wamoo, non potendosi esporre alla luce del sole, trovarono riparo all'interno di un albergo abbandonato, che avevano utlizzato come fortezza. Zeppeli, deciso a vendicare la morte di suo nonno, avvenuta mezzo secolo prima a causa della Maschera di Pietra, si trovò ad affrontare Wamoo e le sue tecniche basate sul controllo del vento, ma pur avendo ferito gravemente il proprio avversario, trovò la morte come suo nonno e suo padre. Con le poche forze rimaste, dedicò la sua ultima onda a Joseph, e la utilizzò per recuperare l'antidoto al veleno della seconda Anella dal corpo di Wamoo. Questi, per onorare lo spirito di guerriero del suo avversario, decise di non distruggere la bolla concentrica che conteneva l'antidoto, che rimase a fluttuare nel luogo in cui giaceva il corpo senza vita di Zeppeli.

Dopo aver eliminato in un istante il vampiro Wired Beck che gli aveva teso un agguato, JoJo e Lisa Lisa arrivarono finalmente al cospetto di Wamoo e Kars, protetti dalla loro armata di cento vampiri. Con un astuto bluff, Lisa Lisa convinse Kars ad un doppio combattimento per decidere le sorti della Pietra. Joseph avrebbe affrontato Wamoo, per concludere il combattimento iniziato a Roma trenta giorni prima, mentre lei se la sarebbe vista con Kars stesso. A questo punto abbiamo una rivelazione sull' identità del maestro della tecnica concentrica, grazie ad una foto trovata da Joseph, in cui compariva nonna Elena, ed una di cinquant'anni prima, in cui Streitzo teneva in braccio una bambina appena nata. Era lei quella bambina, e si trattava della stessa che era stata portata in salvo da Elena dalla nave dove Jonathan e Dio avevano perso la vita. Streitzo l'aveva iniziata alla tecnica concentrica e Lisa Lisa, pur avendo oltre cinquant'anni di età, ne dimostrava la metà perchè era stata mantenuta giovane dalle onde. Joseph non lo sapeva, ma in realtà quella donna era sua madre. Il suo nome era Elizabeth ed aveva sposato George Joestar II, il figlio di Elena e Jonathan, ma per colpa di un vampiro dell'armata di Dio superstite, che le aveva ucciso il marito, era stata ingiustamente accusata di omicidio e costretta a cambiare identità.

Il combattimento sulle bighe tra Joseph e Wamoo è il terzo momento decisivo delle prime due serie di JoJo, e soprattutto per la sua conclusione, è impossibile da descrivere senza commettere un crimine nei confronti dell'originale. L'unico consiglio che mi sento di dare è leggerlo di persona (si trova su Action 15 in Italia). Alla fine del combattimento, di fronte a Wamoo ormai battuto con onore, Joseph bevve l'antidoto al veleno della seconda Anella, che aveva conservato fino al momento della sua scofitta per rispetto nei confronti di Caesar. Ora era rimasto solo un membro della Stirpe delle Tenebre, il temibile Kars...

Millenni prima era stato Kars a costruire la Maschera, e la sua stirpe, spaventata dalla sua smisurata ambizione, gli si era rivoltata contro. Lui da solo aveva ucciso tutti gli esponenti della sua razza tranne due bambini, Wamoo ed Acideecy, l'unico altro superstite era Santana, di rango molto inferiore, che per ragioni ignote era riuscito a salvarsi. Ora Lisa Lisa si trovava contro questo essere millenario, determinato e pronto a tutto pur di raggiungere il suo scopo. Con un inganno, Kars riuscì a ferire gravemente la donna, ma Joseph, pur ferito nel combattimento contro Wamoo, riuscì a trasmettere le onde al mostro e salvare il suo maestro. Nel frattempo, erano accorse le truppe di Stroheim, accompagnate da Speedwagon e Smokey. Per eliminare Kars, stremato dalle onde di JoJo, le truppe naziste attivarono dei riflettori a raggi ultravioletti, ma non si erano accorti che l'essere aveva indossato la Maschera con la Pietra Rossa incastonata. In questa maniera, i raggi non fecero altro che attivare la Pietra, trasformando Kars nell'essere supremo.

Immortale, in grado di resistere alla luce del Sole, di assumere le caratteristiche di ogni altro essere vivente, senza il bisogno di nutrirsi nè di riposare, ma soprattutto pronto a vendicare Wamoo e Acideecy, sconfitti da Joseph. Dopo diverse peripezie, il combattimento si spostò sull' isola di Vulcano, dove JoJo e Stroheim, gravemente ferito, riuscirono a fare precipitare Kars nella lava. Ma neppure questa era in grado di fermare l'essere supremo, che riemerse amputando di netto un braccio a Joseph. Adesso anche Kars era in grado di utilizzare le onde concentriche, e per finire il suo avversario, scelse di utilizzare proprio questa tecnica. JoJo inconsciamente e per l'istinto di conservazione, si fece scudo con la Pietra Rossa dell' Asia, che amplificò le onde di Kars portando l'attività vulcanica al suo apice. Kars venne scaraventato dalla potenza dell'esplosione nello spazio, mentre di Joseph e Stroheim si persero le tracce.

Il funerale di JoJo venne celebrato senza che il suo copo venisse ritrovato. Erano presenti nonna Elena, Speedwagon, Smokey, Lisa Lisa e Messina. Nel bel mezzo della cerimonia, sbucò una misteriosa figura... era Joseph, che era riuscito a salvarsi dall'esplosione grazie ad un lastrone di roccia, ed era stato ripescato dopo essere precipitato in mare. Gli scienziati di Stroheim gli avevano impiantato un braccio artificiale, e finalmente si era sposato con Suzi Q. Lisa Lisa finalmente confessò a Joseph di essere la sua vera madre, e si stabilì con lui in America, dove si risposò con uno sceneggiatore di Hollywood. Elena Pendleton Joestar continuò ad insegnare inglese alle scuole elementari e, all'età di 81 anni si spense serenamente vegliata dai suoi cari. Speedwagon continuò a contribuire con la sua Fondazione allo sviluppo economico ed alla ricerca medica e scientifica fino all'età di 89 anni, in cui morì stroncato da un infarto. Smokey Brown completò gli studi e divenne il primo governatore nero della Georgia. Il destino di Stroheim è incerto, ma pare che cadde combattendo gloriosamente per la sua patria sul fronte di Leningrado. Kars continuò la sua corsa verso lo spazio esterno, senza la possibilità di morire o fermarsi, mentre per il gelo il suo corpo assumeva poco per volta una conformazione simile a quella di un meteorite. Dopo diversi millenni la Natura ebbe pietà di lui, e smise di avere la facoltà di pensare. Ma una antica minaccia ancora attendeva la famiglia Joestar...

A cura di Jocchan.

Get Firefox!
Attendere il completo caricamento della pagina! Se questo messaggio rimane visibile dopo il completo caricamento della pagina significa che Javascript non è attivo su questo browser o non è supportato. Alcune Features del sito potrebbero perciò non essere disponibili.